Home

Roca Nuova

Il sito sorge nell’immediato entroterra di Torre dell’Orso lungo il lato S della provinciale Melendugno – Torre dell’Orso, in prossimità dell’antica strada che congiungeva Melendugno a Roca Vecchia. I resti di Roca Nuova sono riconducibili ad un insediamento rurale fondato nel XVI secolo d.C.; nel 1544 il governatore di Lecce Ferrante Loffedro, ordinò la distruzione e relativo smantellamento delle strutture difensive di Roca Vecchia. In seguito a tale ordine, una parte degli abitanti si trasferì nell’interno a costituire il villaggio di Roca Nuova, mentre altri si dispersero nei paesi vicini. L’abitato arrivò a contare circa 500 abitanti nel periodo di massimo sviluppo (XVIII secolo) e rimase abitato fino agli inizi del 1900.
Tra le strutture architettoniche ancora visibili degna di nota è una torre fortificata a base quadrangolare, probabilmente più antica delle altre strutture presenti, La torre allo stato attuale consta di un piano terra, un primo piano e un secondo piano.

Al piano terra è posto un piccolo vano quadrangolare, adibito originariamente a carcere; sulle pareti interne di tale vano, sono presenti numerosi graffiti, raffiguranti mani, animali, una figura di S. Giorgio a cavallo con il drago.
Del piccolo insediamento inoltre, fa parte una chiesetta dedicata a S. Vito che ha subito numerosi rifacimenti e la cui ultima fase risale alla fine del 1700 d.C. La cappella di S. Vito attualmente risulta essere a unica navata a pianta rettangolare, con l’altare maggiore dedicato a S. Giorgio, proveniente dalla Cappella di S. Giorgio posta all’interno di Masseria Brunese a Torre dell’Orso. La facciata, anch’essa della fine del XVIII secolo, risulta arretrata rispetto all’impostazione originaria cinquecentesca. Tra le diverse fasi di costruzione delle strutture presenti a Roca Nuova, probabilmente se ne riconosce una precedente alla fondazione del 1545.

ROCA NUOVA

The site of Roca Nuova lies in the hinterland area of Torre dell’Orso along the road from Melendugno to Torre dell’Orso, nearby the ancient lane which once linked Melendugno to Roca Vecchia. The remains of Roca Nuova village belong to a rural settlement dating back to the 16th century AD. In 1544 the Governor of Lecce, Ferrante Loffredo, ordered the destruction and dismantling of defending buildings in Roca Vecchia. This decision brought some inhabitants to move inland where they built Roca Nuova village, while many others reached neighbouring areas. The village counted up to 500 inhabitants in its higher development period (18th century) and they had been settled until early 1900. Today among the architectural buildings stands out a fortified tower, probably the more ancient of all the buildings. The tower consists of three floors: ground floor, first floor and second floor. The first floor has a small quadrangular room, originally used as a prison, whose internal walls are covered in graffiti depicting hands, animals and the image of St. George on horseback slaying the Dragon.

Not far from the tower stands the Church of St. Vito which has been restored several times. Last restoration was carried out at the end of 1700 AD. It is a small one-nave church, rectangular in shape. The main altar is dedicated to St. George and comes from St. George Chapel located into Masseria Brunese in Torre dell’Orso.

The 18th century façade seems to be late if compared to the original sixteenth-century architecture. Roca Nuova village is characterized by various stages of construction, including one that probably precedes its foundation in 1545.

 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter

Programma 2014